CANTALUPO SI APRE ALL'EUROPA

877 giorni fa

Virtuoso progetto interculturaledel Comune di Cantalupo, che ospita sei volontari portoghesi, presentato nella splendida cornice della Chiesa di S. Adamo, un autentico gioiello d'arte e di spiritualità.

A seguire il Comunicato stampa del progetto

Servizio Volontario riservato a “giovani con più di 50 anni”, unica condizione necessaria per accedere ad iniziative come quelle promosse dal programma Grundtvig, che ora lascia il posto al nuovo programma Eramus+ che riconferma tra le proprie priorità la mobilità internazionale dei singoli. A luglio e Agosto 2014 sono stati 6 italiani a raggiungere la comunità di Peniche in Portogallo e partecipare come volontari per 1 mese, nelle attività culturali e sociali che si svolgevano in quel periodo nello splendido comune che si affaccia sull’oceano Atlantico. Uno scambio realizzato dall’associazione culturale Walls, che si avvale della collaborazione e dell’esperienza nel campo educativo del Cemea del Mezzogiorno onlus, che ora vedrà, dall’8 giugno 2015 al 6 luglio 2015, 6 senior portoghesi svolgere una simile esperienza di crescita e di cittadinanza attiva a Cantalupo in Sabina, comune della Sabina che già cornice anche di uno scambio internazionale di giovani realizzato da Walls nel 2013. “Cantalupo in Sabina riconferma la propria propensione all’accoglienza e all’internazionalità: l’ostello Le Ginestre, la Casa del Cittadino… tutti strumenti che ci stanno aiutando a portare la nostra realtà ad essere interessante meta di iniziative culturali e sociali internazionali, che vedono cittadini di altri paesi scegliere Cantalupo come loro casa per un periodo anche importante” sostiene il sindaco Paolo Rinalduzzi. L’associazione Walls presenterà ufficialmente il progetto assieme al Sindaco Rinalduzzi e alla Vice-Sindaco Biagioni in una conferenza stampa prevista per il 12 giugno 2015 ore 18.00 Sant’Adamo, Cantalupo in Sabina “Abbiamo invitato, oltre ai giornalisti, la popolazione della nostra cittadina ed i rappresentanti delle comunità della Bassa Sabina perché Antonio, Carmencita, Fernanda, Luisa, Manuela e Maria, che saranno arrivati dal Portogallo da pochi giorni, possano diventare da subito facce amiche per tutti e integrarsi nella nostra realtà” si augura la vice-sindaco Loredana Biagioni, che segue culturalmente fin dalla fase progettuale. Il presidente di Walls Andrea Messori aggiunge “Le persone che da Cantalupo hanno partecipato a questo programma all’estero, sono prontissimi a facilitare l’esperienza dei colleghi portoghesi nel proprio territorio, così come quelli che sono partiti da Roma si improvviseranno ciceroni e organizzatori di visite culturali nella capitale. Si prospetta un’accoglienza CulturalMENTE molto interessante!”



Condividi su :  

Video Correlati

Commenti



* parametri obbligatori

sponsor